Marinella Savino apre LQS 2020: “La sartoria di via Chiatamone”

Il primo di cinque titoli selezionati, incontro con i lettori e gli studenti
Leggo QuIndi Sono, al via la V edizione. Quando Napoli cacciò i nazisti: Marinella Savino
Parte il giro di storie de Le giovani parole, ed. 2020. Nuove scuole dentro LQS

Giovedì 23 gennaio, l’autrice napoletana presenta La sartoria di via Chiatamone

Cinque nuovi romanzi del circuito indipendente italiano, tre nuove scuole che fanno il loro ingresso nel progetto e tantissimi nuovi studenti pronti a leggere, incontrare e votare le storie di questa quinta edizione di Leggo QuIndi Sono, premio-concorso Le giovani parole 2020. Dopo il passaggio nazionale alla fiera di Roma “Più Libri Più Liberi” dello scorso dicembre, in cui LQS ha premiato Fazi Editore in qualità di casa vincitrice dell’edizione 2019 per il romanzo Di niente e di nessuno di Dario Levantino, parte il giro di incontri con gli autori, per una giostra di storie che terrà sul filo gli studenti-giurati, con il naso già dentro le pagine della nuova cinquina 2020.

Si comincia con La sartoria di via Chiatamone (Nutrimenti, 2019) di Marinella Savino, scrittrice esordiente già “menzionata” dal Premio Calvino, in programma giovedì 23 gennaio. Alle ore 11.30, pertanto, l’autrice napoletana incontra gli allievi dell’Istituto B. Pascal di Foggia, per poi parlare del suo libro ai lettori della città, alle ore 18, nella Sala Narrativa della Biblioteca La Magna Capitana. Nel pomeriggio dello stesso giorno (ore 15), Marinella Savino incontrerà anche il gruppo di lettura della Casa Circondariale, grazie al confermatissimo lavoro dei volontari del CSV di Foggia i quali, ogni anno, fanno in modo che i detenuti dell’Istituto Penitenziario possano esprimere la loro preferenza tra i cinque scrittori in gara.

Continua a leggere

Paolo Di Paolo presenta “Lontano dagli occhi”

Uno dei migliori scrittori del nostro tempo, giovane e già così affermato
Lontano dagli occhi, trovando se stessi… Paolo Di Paolo: tre storie, una vita
Mercoledì 22 gennaio, ore 18.30, Ubik. L’autore romano presenta il suo nuovo romanzo
Il libro, edito da Feltrinelli, è una delle uscite editoriali più luminose degli ultimi mesi

Inseguire qualcuno come se fosse appena sceso dall’autobus, andargli dietro. “Trovare” i personaggi cercando se stessi: colmare con una storia ciò che non c’è. Raccontare, a noi stessi, qualcosa che manca e che, appunto, è lontano dagli occhi.

È il viaggio intrapreso da uno dei migliori scrittori del nostro tempo in occasione del suo ultimo romanzo, protagonista della presentazione di mercoledì 22 gennaio, alle ore 18.30, nello spazio live della Ubik di Foggia. Paolo Di Paolo, intellettuale e scrittore ancora giovane e già affermatissimo nel panorama letterario italiano, ritrova il pubblico della libreria con il suo nuovo libro, Lontano dagli occhi (Feltrinelli, 2019), tra le uscite editoriali più luminose degli ultimi mesi. A conversare con l’autore romanzo, il giornalista Felice Sblendorio.

Continua a leggere

Feedback, Viola Ardone

Un breve video dell’incontro in libreria con l’autrice

Il treno dei bambini (Einaudi, 2019) è passato anche per la libreria Ubik, sabato 11 gennaio 2020. L’autrice Viola Ardone, in questo feedback video, legge un brano tratto dal suo splendido romanzo, al termine dell’incontro con il numeroso pubblico. In libreria, disponibili copie firmate.

 

Da Sud a Nord, un viaggio tra sogni e speranze

recensione di Michele Trecca

Un romanzo è una voce, che quando leggi ti risuona dentro come in una cassa armonica. Ne Il treno dei bambini di Viola Ardone ogni parola vive la sua pienezza di significato e suono: e con il piccolo Amerigo che racconta rinomini le cose di ogni giorno, cerchi un varco nelle vite degli altri, scopri la forza sociale dirompente di valori semplici e profondi. Poi con lui adulto fai uno struggente e commosso bilancio di vita. Il treno dei bambini è uno spartito in cui l’espressività del lessico e del dialetto innerva di musica la sintassi. Continua a leggere

Viola Ardone, “Il treno dei bambini”

Il 2020 si apre con il caso editoriale dell’anno, in via di traduzione in 27 lingue
Il riscatto di un Paese è una favola vera… Il treno dei bambini di Viola Ardone
Sabato 11 gennaio, ore 18, Ubik. La scrittrice napoletana presenta il suo romanzo
Lo stesso giorno, ore 15, l’autrice incontra gli alunni del “P. Giannone” di San Marco in Lamis

“La miseria non è una vergogna, ma un’ingiustizia”. Da questa frase, una favola. Anzi, più favole: settantamila, per la precisione. Settantamila favole vere, reali, scritte in Italia, vissute da Sud a Nord: forse la più grande storia di solidarietà europea, sicuramente dal secondo dopoguerra in poi. Il treno dei bambini è esistito davvero, è partito davvero – a raccontarlo, anche i pugliesi Giovanni Rinaldi e Alessandro Piva, l’uno storico l’altro regista – e ne ha fatto parte Amerigo, la straordinaria voce narrante del romanzo di Viola Ardone, caso editoriale dell’anno, romanzo di punta della casa editrice Einaudi.

Sabato 11 gennaio, ore 18, la scrittrice napoletana presenta il suo libro nello spazio live della libreria Ubik di Foggia, primo ospite di rilievo di questo 2020, chiamata a raccontare una storia di separazione ma anche di conquista, in grado di unire Sud e Nord nel segno di una nuova dignità umana. A conversare con l’autrice, le docenti Carla Bonfitto e Anna Mastrolitto, con un’introduzione a cura del libraio Salvatore D’Alessio. Lo stesso giorno, ore 15, Viola Ardone sarà all’Istituto di Istruzione Secondaria “P. Giannone” di San Marco in Lamis, quale incontro di chiusura del progetto-lettura organizzato da Ubik con gli alunni delle classi coinvolte.

Continua a leggere

Infiniti sono i modi dell’amore

recensione di Michele Trecca – presentato il 26 ottobre – tra le nostre proposte a -15%

Ama il prossimo tuo come te stesso, dice un comandamento. Infiniti sono i modi dell’amore. Il diritto non può comprenderli tutti. La letteratura sì, anzi: deve. E per di più deve raccontare ogni amore come se quello fosse l’unico e tutti gli altri al tempo stesso. Almarina di Valeria Parrella è così, per virtù di scrittura. Continua a leggere