Questo romanzo è quel che è

17 febbraio 2017

17 febbraio 2017

Edoardo Albinati, La scuola cattolica, Rizzoli

Tutte le novità sono speciali, però qualcuna è più speciale delle altre. Ogni dieci anni in Italia irrompe sulla scena una di queste e si riaccende il dibattito sulle forme della narrativa. Nel 2006 toccò a Saviano: ma Gomorra è un romanzo o un reportage? È narrativa o giornalismo? L’anno scorso a sparigliare le carte è stato Edoardo Albinati con La scuola cattolica. Ma è un romanzo o un saggio? Riflessione o invenzione? È quel che è, diciamo noi. È la risposta a una necessità. Era una necessità per Saviano raccontare Napoli e la criminalità organizzata. È stata una necessità per Albinati raccontare il San Leone Magno, la sua scuola, e anche quella degli assassini del Circeo. Si scrive per sanare una ferita, intanto succede che quel punto di dolore dilaghi in milletrecento pagine, e diventi un quartiere, corso Trieste, una classe, il ceto medio, e un mondo che non c’è più perché proprio in quegli anni lì è esploso con il suo decoro ipocrita nella violenza del piombo e nell’ebbrezza di nuove, presunte libertà. Con Edoardo Albinati e altri autori, diversi dei quali anch’essi ospiti della nostra libreria, nel dibattito sulle forme della narrativa il 2016 ha ribadito con forza una verità: il romanzo è una libera sfida alla complessità del reale, il tentativo di attraversarne l’oscurità dandole un senso. Poi in quei meandri ci si può anche perdere, quel che conta è il cammino non l’arrivo. Tanto più oggi che le fantasmagoriche geometrie degli intrecci con la meta obbligata del colpo di scena finale sono brillantemente soddisfatte dalle serie televisive: incalzate, pungolate e ravvivate dai romanzi un tempo detti “di genere”. Alcuni dei tanti svincolati da questo patto hanno, quindi, incrementato la propria quota di libertà e innovato le forme della narrativa. Primo fra tutti Edoardo Albinati con La scuola cattolica, pietra miliare nel percorso non sempre lineare del premio Strega.

Michele Trecca, frame 4/17

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...