“Sguardi differenti”, Donne in Rete

In libreria, c’è bisogno di Sguardi Differenti
Protagonista la casa editrice Mammeonline
A cura del Comitato di redazione di Donne in Rete
Intervengono l’europarlamentare Elena Gentile, la deputata Celeste Costantino

SguardiCop

Un appuntamento importante da segnare in agenda quello di venerdì 15 aprile, ore 18.30, nello spazio live della libreria Ubik. Si torna a parlare di sessismo, gender, alienazione parentale, ma anche di separazione, linguaggio e “backlash”, il “ritorno indietro” che le donne, ormai da decenni, stanno subendo sui vari campi, dal lavorativo al sociale al culturale. Temi apparentemente slegati ma che hanno tutti una matrice comune, secondo una prospettiva analitica a più voci contenuta nel libro Sguardi Differenti, edito dall’ottima casa editrice Mammeonline e curato dalla redazione dell’associazione Donne in rete.

“Desideriamo sottolineare quanto invece sono importanti le parole, ad esempio per raccontare in ambito giornalistico la violenza contro le donne. E quanto è necessario contrastare il sessismo sempre più diffuso e gli stereotipi di genere. È importante per noi trattare questi temi mantenendo il filo di continuità con le battaglie e le conquiste delle donne avvenute nei decenni appena trascorsi”.


Uno degli ultimi ostacoli sul cammino dei diritti delle donne e della società in generale è proprio questa grande bufala, la cosiddetta ideologia gender, su cui ci proponiamo di fornire informazioni corrette. Ma c’è anche un’altra grande mistificazione che sta prendendo sempre più piede ed è quella della Pas, conosciuta anche come Ap (alienazione parentale o alienazione genitoriale) attraverso la quale si mira a colpire le madri separate (in genere a causa di violenze subite da mariti/compagni maltrattanti) colpendo ovviamente anche le bambine e i bambini.

E poi c’è il linguaggio. Un linguaggio sempre più oltraggioso, sessista, irrispettoso, volgare. Un linguaggio che non nomina le donne, ma che non ha reticenze nell’insulto, nell’uso delle parolacce a sfondo sessuale. Desideriamo sottolineare quanto invece sono importanti le parole, ad esempio per raccontare in ambito giornalistico la violenza contro le donne. E quanto è necessario contrastare il sessismo sempre più diffuso e gi stereotipi di genere. È importante per noi trattare questi temi mantenendo il filo di continuità con le battaglie e le conquiste delle donne avvenute nei decenni appena trascorsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...