Roberto Costantini, "Alle radici del male"

Dopo Tu sei il male, un altro thriller d’autore
Alle radici del male con Roberto Costantini 
Giovedì 31 gennaio, doppio appuntamento con il secondo romanzo della Trilogia
In mattinata, ore 11.30, alla scuola B. Pascal

In serata, ore 18.30, alla libreria Ubik


 

Ecco il secondo atto della Trilogia del male. Ecco il nuovo maestro del thriller italiano, Roberto Costantini. Mentre Tu sei il male viene tradotto praticamente ovunque, dalla Francia alla Norvegia, dalla Turchia alla Corea, il commissario Balistreri pone il secondo tassello della sua opera, con l’ottimo Alle radici del male (Marsilio, 2012).  
Giovedì 31 gennaio, l’autore presenta a Foggia il suo secondo romanzo, per un doppio appuntamento tutto da seguire. La mattina, ore 11.30, incontro con gli studenti dell’istituto foggiano B. Pascal; in serata, ore 18.30, appuntamento con i lettori della libreria Ubik di Foggia. Nello spazio live inoltre, l’incontro è più che mai aperto ai lettori: chiunque abbia voglia, può dare la propria adesione diretta per condurre e conversare sul divano rosso degli eventi, insieme con Roberto Costantini (basta una mail a eventi@ubikfoggia.it). Inoltre, entrambi i romanzi protagonisti sono in promozione: – 25% di sconto per Alle radici del male e – 15% per Tu sei il male.


Tu sei il male (Marsilio, Farfalle/I gialli: pagine 704; euro: 19,50). Tripoli, anni Sessanta. Quella dell’irrequieto e ribelle Mike Balistreri è un’adolescenza tumultuosa come il ghibli che spazza il deserto. Sullo sfondo di una Libia postcoloniale, preda degli interessi dell’Occidente per i suoi giacimenti petroliferi, gli anni giovanili di Mike sono segnati dalle morti irrisolte della madre Italia e della piccola Nadia, da due amori impossibili, uno intessuto di purezza e uno intriso di desiderio e di rabbia, dal coinvolgimento in un complotto contro Gheddafi, e da un patto di sangue che inciderà a fondo sia la pelle che l’anima a lui e ai suoi tre migliori amici. 
Roma, settembre 1982. Reduce dall’esito catastrofico del caso Sordi, il giovane commissario Balistreri di notte si stordisce con il sesso, l’alcol e il poker e di giorno indaga svogliatamente sulla morte di Anita, una studentessa sudamericana assassinata subito dopo il suo arrivo nella Capitale. Per gratitudine verso chi gli ha salvato la carriera, è anche costretto a vegliare sulla scapestrata Claudia Teodori, che agli albori della televisione commerciale sembra lanciata verso una luminosa carriera di starlette. Ma Nadia, Anita e Claudia sono legate da un filo invisibile, seguendo il quale Michele Balistreri sarà costretto a calarsi nelle zone più buie del suo passato, quei giorni “di sabbia e di sangue” con cui non ha mai chiuso del tutto i conti, in un cammino lungo il quale l’amore, l’amicizia, i sogni e gli ideali si scontrano con la ricerca di verità dolorose, nell’impossibilità costante di distinguere chi tradisce da chi è tradito. Alla fine sarà una ragazza, incompresa e coraggiosa, a condurlo per mano fino alle radici del Male.
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...