Il mare di lato, Vito Antonio Loprieno

A due anni di distanza dal romanzo Lorodipuglia
Torna l’autore Vito Antonio Loprieno
Giovedì 26 aprile, ore 18.30. Alla libreria Ubik di Foggia.
Lo scrittore di origini baresi presenta Il mare di lato (Il Grillo Editore)
Conversa con lui, Mara De Felici (Camera del Lavoro di Foggia)

 
“Il mare nostro è come noi, una creatura, un essere vivene che dà la vita, una mamma grande e sconfinata che genera amore”. Parola di Francesco Pascazio, ex ferroviere in pensione, alter ego del secondo romanzo di Vito Antonio Loprieno, autore nato a Monterotondo di Roma ma con la Puglia nel sangue e, soprattutto, nel cuore. 
Giovedì 26 aprile, alle ore 18.30, lo scrittore di origini baresi torna alla libreria Ubik di Foggia, a due anni di distanza dalla presentazione de Lorodipuglia, piccolo caso editoriale del 2010 incentrato sul mondo contadino e delle masserie pugliesi, il quale ha dato anche il nome ad una specifica collana della casa editrice gravinese. Il mare di lato (Il Grillo Editore, 2012), è il titolo del suo nuovo romanzo, dedicato all’Adriatico e, ancora una volta, alla gente del Sud. Conversa con l’autore, la segretaria generale della Camera del Lavoro di Foggia, Mara De Felici.

Il mare di lato (Il Grillo Editore, 2012; collana: Lorodipuglia; € 18,00; pagine 397). Francesco Pascazio, ex-ferroviere di Mola, figlio di bracciante e nipote di pescatori, incontra il professor Aurelio Viggiano, di origini pugliesi, appassionato di quel mare “di lato” tanto caro a Francesco. Tanto caro e tanto controverso nella famiglia Pascazio, avendole in passato sottratto gli affetti del nonno Vitangelo e dello zio Domenico ed essendo stato compagno di viaggio e di sventure di suo padre Andrea durante gli anni difficili di una guerra forzata. Un racconto a ritroso sui pescherecci del litorale Adriatico, tra i marinai che hanno dato la loro vita al mare, con i soldati che hanno difeso la patria sino alla fine. Un’indagine alla scoperta delle armi chimiche seppellite sui fondali marini. Per imparare ad amare il mare e scommettere sul futuro del genere umano. Il mare di lato, romanzo corale, narra del mare e del suo grande cuore, di amori e amicizie, di una condivisione capace di cancellare le naturali paure del dopo, di un popolo che vive per il mare, che viene dal mare, che vede il mare come qualcosa che unisce piuttosto che un ostacolo che divide (dalla quarta di copertina).
Vito Antonio Loprieno. Dopo il successo di Lorodipuglia, torna con la sua consueta passione per la cucina, la brillante verve, il suo amore per la terra pugliese e, questa volta, anche per l’acqua che bagna le coste della sua terra d’origine. Il mare di lato è il suo secondo romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...